Domenica 25 Ottobre 2020Ultimo aggiornamento: 24/10/2020 - 19:29

Lusera S.G.: inaugurata la nuova ala al Rifugio Carlo Alberto

Lusera S.G.: inaugurata la nuova ala al Rifugio Carlo Alberto
Giovedì 15 Ottobre 2020 - 10:44

Martedì 13 è stata inaugurata la nuova ala del Rifugio Re Carlo Alberto, struttura della Diaconia Opere Valli, dedicata a persone con demenza e Alzheimer. Un progetto innovativo, sia dal punto di vista architettonico e strutturale, sia per il coinvolgimento attivo degli ospiti. 

«L’attività del Rifugio negli ultimi anni si è sempre più orientata all’accoglienza delle persone affette con demenza – spiega Giovanni Comba, Presidente CSD, Diaconia Valdese –. L’ampliamento è stato realizzato per rispondere a una domanda in crescita, ma anche per introdurre un nuovo criterio di accoglienza che valorizzi le capacità residue delle persone, cercando di dare più vita ai loro giorni» 

Un progetto che è stato finanziato in massima parte dall’OPM della Chiesa Valdese, per oltre 500.000 firme. 

I Lavori sono durati circa due anni e il nuovo nucleo sorge su un’are di 500 mq. A regime, la struttura può ospitare 12 persone. La nuova ala non è la classica struttura residenziale, ma una casa, un luogo libero e stimolante, realizzato grazie al costante confronto con l’estero e la rete EFID (European Foundations’ Iniziative on Dementia). Le giornate avranno ritmi da ‘famiglia’, strutturate il meno possibile, con l’obiettivo di azzerare l’impatto ospedaliero ed esaltare il calore domestico, grazie anche agli elementi di arredo urbano e alle dotazioni tecnologiche, forniti dalla Generale Arredamenti di Pistoia. 

Un ambiente strutturato e articolato, in sinergia con personale adeguatamente formato: un’efficace terapia non farmacologica, per promuovere e perseguire un’idea diversa di RSA.

Li. Ste.
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino