Giovedì 9 Luglio 2020Ultimo aggiornamento 11:23

Riaprono dopo il lockdown gli Uffici del Turismo anche a Sestriere, Pragelato e Pinerolo

Riaprono dopo il lockdown gli Uffici del Turismo anche a Sestriere, Pragelato e Pinerolo
Venerdì 29 Maggio 2020 - 11:44

Turismo Torino e Provincia riapre gli Uffici del Turismo dopo i mesi di lockdown, in concomitanza dell’apertura di tutti i principali siti museali per il ponte del 2 giugno e dell’avvio della  stagione estiva in quota. Da lunedì 1 giugn saranno operativi gli Uffici del Turismo di Pragelato, Sestriere, Sauze d’Oulx, Cesana Torinese, Clavière, Bardonecchia e Torino in piazza Carlo Felice davanti alla stazione di Torino Porta Nuova.

 

Riaprirà martedì 2 giugno l’Ufficio del Turismo di Susa mentre mercoledì 3 giugno toccherà a Pinerolo, Ivrena e al secondo Ufficio del Turismo di Torino (piazza Castello angolo via Garibaldi).

 

«Seppur in questa prima fase mancheranno gli arrivi di turisti internazionali – sottolinea Daniela Broglio, Direttore di Turismo Torino e Provincia –  e confidando nell’apertura dei confini interregionali, i nostri Uffici del Turismo sono pronti ad accogliere in sicurezza, dal 1 giugno, chiunque sia desideroso di scoprire il nostro territorio garantendo il rispetto di tutte le normative sulla sicurezza; i nostri collaboratori saranno quindi a disposizione di quanti vorranno visitare Torino e la sua provincia ricca di attrattive ed eccellenze da vivere anche all’aria aperta in tutte le nostre valli, colline e cittadine d’arte e cultura oltre che montane».

 

Turismo Torino e Provincia figerisce che in tutti gli spazi sono garantiti il rispetto delle normative stabilite dal DPCM del 16 aprile 2020: l’ingresso sarà permesso per un visitatore alla volta come per tutti i locali aperti al pubblico e una parete di plexiglass separerà il pubblico dagli informatori turistici al fine assicurare il mantenimento del distanziamento sociale; all’interno del locale sarà inoltre disponibile gel igienizzante per tutti.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino