Sabato 8 Agosto 2020Ultimo aggiornamento: 07/08/2020 - 18:58

Fase 2: corsa, bici ed equitazione anche oltre la "prossimità dell'abitazione"

Fase 2: corsa, bici ed equitazione anche oltre la "prossimità dell'abitazione"
Domenica 3 Maggio 2020 - 16:57

Fase2, sport e attività motoria: il 4 maggio è il giorno atteso da ciclisti e runner. «L'uso della bicicletta è consentito per raggiungere la sede di lavoro, il luogo di residenza o i negozi che proseguono l'attività di vendita. È inoltre consentito utilizzare la bicicletta per svolgere attività motoria all’aperto. In ogni circostanza deve comunque essere osservata la prescritta distanza di sicurezza interpersonale» precisano le disposizioni governative.

 

Da lunedì sarà consentito svolgere individualmente, ovvero con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti, attività sportiva o attività motoria, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività; pertanto non è più necessaria la “prossimità dell’abitazione” per rendere possibile l’attività sportiva e motorie.

 

Il 4 maggio possono riprendere senza alcun assembramento, a porte chiuse, le sessioni di allenamento di atleti di discipline sportive individuali professionisti e “non professionisti”, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP) e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali. Gli impianti sportivi potranno riaprire quindi solo per gli atleti di interesse nazionale indicati da Coni, Cip e Federazioni.

 

La Regione ha autorizzato anche la ripresa di allenamenti e addestramenti a cavallo, purché svolti in maniera individuale. L'attività equestre dovrà però rispettare alcune precise prescrizioni. In primo luogo, il cavaliere non potrà intrattenersi più di due ore con il suo cavallo. Il cavaliere minore deve essere accompagnato o munito di delega dei genitori se affidato a terzi. L'impianto dovrà infine "garantire una superficie minima di 500 metri quadrati per ciascun binomio".

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino