Mercoledì 12 Agosto 2020Ultimo aggiornamento: 11/08/2020 - 21:14

Presi i "nonni rapinatori", ordigni per far esplodere i bancomat alle Poste di Giaveno e Rivalta

Presi i "nonni rapinatori", ordigni per far esplodere i bancomat alle Poste di Giaveno e Rivalta
Venerdì 24 Aprile 2020 - 09:06

Ci sono anche i postamat di Rivalta e Giaveno tra i colpi messi a segno dai "nonni rapinatori" presi dai carabinieri del Comando provinciale. I militari dell'Arma hanno eseguito questa mattina una misura cautelare nei confronti di tre individui, dei quali due già detenuti, ritenuti responsabili di concorso in furto aggravato e detenzione di materiale esplodente. È la conclusione di una attività d’indagine, condotta tra marzo e novembre dello scorso anno, nei confronti di un gruppo dedito ai furti in danno di istituti bancari e uffici postali. Rubavano forzando i bancomat utilizzando ordigni esplosivi artigianali - le cosiddette marmotte - nelle province di Torino e Cuneo. A Giaveno hanno colpito il 3 luglio dello scorso anno mentre il raid alla filiale delle Poste di Rivalta è stato messo a segno il 28 agosto. Due dei destinatari del provvedimento giudiziario sono stati raggiunti in carcere dove si trovavano dal 14 novembre scorso poiché già arrestati in flagranza per un assalto al Postamat di Garessio. Il terzo, libero, è stato colpito da un provvedimento di obbligo di dimora.

pa. pol.
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino