Sabato 30 Maggio 2020Ultimo aggiornamento: 29/05/2020 - 18:10

Regione: campagna social per i prodotti piemontesi e rimborsi pendolari

Regione: campagna social per i prodotti piemontesi e rimborsi pendolari
Venerdì 27 Marzo 2020 - 15:44

E’ identificata dagli hashtag #madeinpiemonte e #sceglipiemontese la campagna social voluta dalla Regione per sostenere l'agricoltura piemontese, che, pur non avendo mai fermato la sua attività, subisce e subirà ripercussioni pesanti per i problemi legati alle esportazioni, agli approvvigionamenti, alla logistica, alla manodopera, all'organizzazione della filiera. Uno slideshow e una serie di grafiche invitano ad acquistare e consumare i prodotti made in Piemonte elencati su www.piemonteagri.it

La Regione Piemonte ha anche deciso di spostare al 31 maggio la scadenza per richiedere il “Bonus pendolari”.

Questo rimborso - spiega l’assessore ai Trasporti, Marco Gabusi - va richiesto direttamente in biglietteria, operazione che non può evidentemente essere fatta in queste settimane alla luce dei divieti di spostamento previsti dall’emergenza Coronavirus. Abbiamo perciò deciso di sospendere le richieste e spostarne la scadenza al 31 maggio i termini del bonus annuale, ipotizzando per tale data la ripresa delle normali attività. Se malauguratamente ciò non dovesse avvenire, riconsidereremo anche tale data”.

Allo stesso modo è stato temporaneamente rimandato anche il bonus previsto sotto formula di sconto per gli abbonamenti mensili validi per i mesi di marzo, aprile e maggio 2020, che in questo periodo non vengono evidentemente acquistati. “Per queste tipologie attendiamo le misure che verranno prese a livello nazionale e che troveranno successiva applicazione a livello regionale - precisa Gabusi.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L’Eco del Chisone: con l’emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo i insieme ce la faremo.

Paola Molino

Sostieni L'Eco, abbonati