Sabato 26 Settembre 2020Ultimo aggiornamento 12:22

Limitazioni e cancellazioni sulle linee di trasporto pubblico

Limitazioni e cancellazioni sulle linee di trasporto pubblico
Lunedì 16 Marzo 2020 - 17:00

Il servizio di trasporto pubblico su treno e autobus in Piemonte sarà limitato come quello di un sabato estivo. La comunicazione è affidabile, arriva dalla regione Piemonte. Tutte le aziende piemontesi del settore hanno attivato la riduzione basata sulle effettive esigenze dei singoli territori annunciata venerdì scorso dall’unità di lavoro costituita da Regione Piemonte, Agenzia della mobilità piemontese, Trenitalia e GTT. Secondo l’assessore regionale ai Trasporti. Marco Gabusi, «la frequentazione dei mezzi è precipitata con riduzioni anche del 97 per cento. È impressionante, ma è un dato positivo, perché significa che le persone stanno a casa. I servizi erogati sono equiparabili a quelli di un sabato in periodo estivo, con le scuole chiuse. Siamo in contatto con tutte le aziende per monitorare la situazione e siamo pronti ad operare ancora ulteriori riduzioni se il quadro generale lo richiederà»

Per conoscere i treni a disposizione è attivo call center gratuito 800 89 20 21.  Per verificare la presenza di corse sulla linea Chivasso-Pinerolo e viceversa consultare il sito di Trenitalia. La Sadem comunica che: da lunedì 16 marzo 2020 e sino a nuove comunicazioni sarà in vigore un programma di esercizio provvisorio che prevede dal lunedì al venerdì l'applicazione degli orari del sabato non scolastico, mentre il sabato e la domenica l'applicazione degli orari festivi. Il numero verde di per contattare Sadem: 800 801 600. La Cavourese comunica che: fino al 3 aprile 2020 il trasporto pubblico locale seguirà l'orario non scolastico. Sono pertanto attive le corse che non hanno la dicitura SCOL.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino