Mercoledì 5 Agosto 2020Ultimo aggiornamento 2:46

Scervelliamoci di novembre: bee wrap, la pellicola con cera d'api fai da te. Guarda il video

Scervelliamoci di novembre: bee wrap, la pellicola con cera d'api fai da te. Guarda il video
Lunedì 11 Novembre 2019 - 09:08

Questo mese nel tutorial della rubrica Scervelliamoci proviamo a realizzare insieme a te una pellicola alimentare che ci permetta di imballare i cibi senza plastica.

Ci sono varie tecniche tra cui scegliere, quasi tutte basate sull'uso della cera d'api. Abbiamo tentato la più semplice, quella che prevede di cerare un pezzo di stoffa, e non richiede ricette difficili da realizzare con ingredienti non sempre facilisimi da reperire. Anche per noi era la prima volta. Il risultato non sarà il migliore che tu abbia mai visto, ma così possiamo darti qualche suggerimento. Guarda il video, e poi ne parliamo.

 

 

COSA TI SERVE

• Cera d'api

• Scampoli di stoffa o fazzoletti di cotone

• Carta da forno

 

PROCEDIMENTO

In poche parole, devi cospargere la stoffa con la cera d'api e riscaldarla in modo che si sciolga. Puoi usare un ferro da stiro: in quel caso è meglio grattugiare un pezzo di cera d'api naturale. Puoi cercarla direttamente da un apicoltore, ed è meglio delle candele, che a noi sono servite come "controfigure" della cera. Poi metti un pezzo di carta da forno sotto la stoffa cosparsa di cera e uno sopra. A quel punto puoi stirare fino a quando la cera si scioglie e si sparge.

 

Noi ti consigliamo di usare il forno. Nel video ti mostriamo come. In questo caso puoi anche acquistare la cera direttamente in forma di perline: si trova in commercio più facilmente ed è più pratica, non devi grattugiarla e puoi spargerla direttamente sulla stoffa. Buon lavoro!

Contenuti correlati: 
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino