Martedì 26 Maggio 2020Ultimo aggiornamento: 25/05/2020 - 21:16

Oggi pomeriggio a None i funerali del Mago Gabriel

Oggi pomeriggio a None i funerali del Mago Gabriel
Giovedì 4 Luglio 2019 - 10:42

Oggi pomeriggio, presso la chiesa Santi Gervasio e Protasio a None, alle ore 16, si celebreranno le esequie del siciliano Salvatore Gulisano, popolarmente conosciuto, a livello televisivo e non, come il Mago Gabriel. Da qualche anno, si era trasferito a None, in via Delle Lame, dopo aver vissuto gran parte della sua vita a Torino.
Si ritagliò il suo periodo di massima celebrità, sul piccolo schermo, tra il 1991 ed il 1993: in virtù dell'intuizione geniale della Gialappa's Band. Grazie all'originale programma “Mai Dire Tv”. La Gialappa's interagiva, idealmente, con il suo presentatore, attraverso la voce fuori campo.
Al resto, ci pensava Gabriel. Contagiando tutti con la sua simpatia, le sue teorie magiche e il suo italiano “personalizzato”. Un italiano, però, che moltiplicava l'effetto involontariamente comico di temi, naturalmente, serissimi. Indimenticabili, in tal senso, erano i suoi intercalari, utilizzati con maestria talmente lucida che nessuno riusciva a capire se “ci fosse o “ci facesse”. Esempi? Possibilmente, a sua volta, suplime (pronunciato proprio così, con la “p”), stupentamente (anche questo, non è un nostro errore di ortografia), ed il “di cui” messo, forse, non proprio a caso.
Avevamo provato vanamente ad intervistarlo: “Ma sa, io sono abituato ai giornali internazionali. Come può vedere, c'è la coda davanti a casa mia di giornalisti da tuttta Europa, il mio telefono squilla sempre”, scherzava tra il serio ed il faceto. Ci accoglieva, però, sempre simpaticamente e coordialmente: amava regalarci qualche chicca dei tempi d'oro ed anche i vicini di casa lo ricordano con afffetto.

Federico Rabbia
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L’Eco del Chisone: con l’emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo i insieme ce la faremo.

Paola Molino

Sostieni L'Eco, abbonati