Lunedì 25 Marzo 2019Ultimo aggiornamento 19:56

Furti in Valle Po, i carabinieri di Saluzzo intensificano i controlli

Furti in Valle Po, i carabinieri di Saluzzo intensificano i controlli
Mercoledì 19 Dicembre 2018 - 18:34

Nei giorni scorsi i Carabinieri della Compagnia di Saluzzo hanno nuovamente predisposto diversi servizi finalizzati alla prevenzione e al contrasto dei reati predatori, nonché delle condotte in materia di stupefacenti e guida in stato di alterazione psico-fisica. I servizi si sono concentrati nel centro urbano di Saluzzo e in Valle Po, con particolare attenzione a Rifreddo, Sanfront, Revello, Barge e Bagnolo che, negli ultimi giorni, sono stati oggetto di furti in abitazione. Durante i servizi sono stati sottoposti a controllo oltre 380 persone, 220 veicoli, 35 esercizi pubblici ed elevate sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni al codice della strada e a leggi speciali per oltre 4.000 euro.

Nel corso della vigilanza sulle strade e nei centri urbani sono stati denunciati – in due distinte occasioni – tre soggetti originari dell’est Europa e dimoranti in Provincia di Torino, i quali, a bordo di due autovetture si aggiravano con atteggiamento sospetto in zone isolate dalla Valle Po e della Valle Varaita, in prossimità di abitazioni a ridosso di aree boschive e terreni coltivati. Sottoposti a controllo sono stati trovati in possesso di arnesi atti allo scasso e oggetti atti ad offendere e, pertanto, sono stati denunciati. Un soggetto originario della Valle Po è stato arrestato dai Carabinieri per resistenza a Pubblico Ufficiale, poiché, nel corso di un controllo di polizia ha inveito contro gli operanti rivolgendo loro esplicite minacce dirette alla loro incolumità. L’uomo è stato condotto presso la casa circondariale di Cuneo e poi sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Un uomo di origini albanesi è stato arrestato in Saluzzo, in esecuzione di un provvedimento dell’Autorità Giudiziaria, poiché, pur sottoposto alla misura del divieto di avvicinamento alla propria consorte in ragione di episodi di violenza domestica, ha reiteratamente violato le prescrizioni impostegli.

pa. pol.