×

Messaggio di errore

Non è stato possibile creare il file.

Hockey ghiaccio, ultima chiamata per la Valpe, in trasferta ad Asiago per gara 5

Hockey ghiaccio, ultima chiamata per la Valpe, in trasferta ad Asiago per gara 5
Giovedì 10 Marzo 2016 - 09:49

Ultima chiamata per il Valpellice Bodino Engineering, chiamato all’impresa in trasferta ad Asiago, dove alle 20,30 andrà in scena Gara 5. Non ci sono altre vie. Non ci saranno altre possibilità. L’imperativo per questa sera è uno solo: vincere per tenere accese le ultime speranze rimaste. In caso di sconfitta la Valpe terminerà la sua stagione già questa sera. In caso di vittoria potrebbe giocarsi ancora le sue carte sabato al “Cotta Morandini”.

Nonostante la sconfitta, quella di martedì è stata forse la miglior partita giocata dai biancorossi in questa serie. Per tutto il primo tempo, e buona parte del secondo, la Valpe ha tenuto in pugno le redini della partita, mettendo sotto pressione gli stellati. Tuttavia, con tutta la mole di gioco e le occasioni create, è arrivato un solo gol per mano di Schina. Passati in vantaggio c’è stato un calo di concentrazione, che è costato ai biancorossi un 1-2 micidiale, con le reti di Bentivoglio e Luciani.

 

GLI AVVERSARI – L’Asiago ha giocato un match molto intelligente a Torre Pellice, che gli ha consentito di portarsi sul 3-1 nella serie. Questa sera gli stellati avranno il primo match point per chiudere la serie e potranno giocarselo sul ghiaccio di casa. Coach Lefebvre è rimasto complessivamente soddisfatto del match dei suoi ragazzi, lamentando però il fatto di aver lasciato troppo spazio agli avversari nel primo tempo. Molto soddisfatto invece della reazione avuto dopo il gol di Schina, dove i vicentini si sono riportati in vantaggio in meno di due minuti.

 

GLI ASSENTI – I biancorossi potranno contare su tutti gli effettivi. L’Asiago sarà privo di Carrozzi, Tura, Ambrosi e Strazzabosco.

 

COME SEGUIRE LA PARTITA - Prevista la diretta streaming su www.rbe.it  (frequenze radio nel Torinese e nel Cuneese FM 96.55, 87.60, 87.80, 88.00). Aggiornamenti prima, durante e dopo il match sul nostro sito www.ecodelchisone.it. Diretta streaming (a pagamento) sul sito dell’Asiago all’indirizzo http://www.asiagohockey.it/ .

 

Le formazioni complete:

 

VALPELLICE BODINO ENGINEERING

35 Neil Conway, 30 Simone Armand Pilon; 16 Stefan Ilic, 23 Andrea Schina, 26 Andy Canzanello, 27 André Signoretti, 44 Francesco De Biasio, 71 Eric Michelin Salomon, 97 Alex Bertin; 5 Marco Pozzi, 7 Pietro Canale, 8 Paolo Nicolao, 9 Alexandr Petrov, 12 Simone Olivero, 15 Edoardo Caletti, 19 Della Rovere, 29 Federico Cordin, 61 Matteo Mondon Marin, 67 Alex Silva, 77 Martino Durand Varese, 88 Michael Colavecchia.

Coach: Tom Barrasso. Assistente: Fabio Armani

 

 

ASIAGO

32 Davide Mantovani, 1 Marco Tononi;  2 Alberto Meneghini, 3 Mike Sullivan, 4 Daniel Sullivan, 15 Enrico Miglioranzi, 23 Stefano Marchetti, 24 Andreas Lutz;  9 Nicola Tessari, 11 Mirco Presti, 16 Michele Stevan, 17 Lorenzo Casetti,  18 Layne Ulmer, 19 Sean Bentivoglio, 21 Anthony Nigro, 32 Davide Mantovani, 55 Federico Benetti, 86 Diego Iori, 95 Marco Magnabosco.

Coach: Patrice Lefebvre

 

Arbitri: Daniel Gamper e Thomas Gasser; Giudici di linea: Nicola Basso e Tommaso Fabrizio Facchin.

 

LA SERIE:

Gara 1         1° marzo ad Asiago (4-7)

Gara 2         3 marzo a Torre Pellice (2-3)

Gara 3         5 marzo ad Asiago (6-2)

Gara 4         8 marzo a Torre Pellice (1-3)

Gara 5         10 marzo ad Asiago

Gara 6         12 marzo a Torre Pellice (eventuale)

Gara 7         15 marzo ad Asiago (eventuale)

 

GLI ALTRI MATCH:

Renon già qualificato alle semifinali (4-0 sul Cortina)

Val Pusteria - Gherdëina (3-1)

Vipiteno - Fassa (3-1)

 

(Foto Allaix)

 

Christian Lasagno

 

 

 

 

 

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.
Paola Molino