Venerdì 30 Ottobre 2020Ultimo aggiornamento: 29/10/2020 - 18:46

Pragelato: Giscard d'Estaing inaugura il Club Med

Pragelato: Giscard d'Estaing inaugura il Club Med
Venerdì 14 Dicembre 2012 - 16:27

C'era il presidente e direttore generale del Club Méditerranée Henry Giscard d'Estaing (a destra) figlio dell'ex presidente della Repubblica francese Valéry, poco fa a inaugurare il villaggio turistico Club Med Pragelato Vialattea insieme al presidente della Regione Piemonte Roberto Cota.

 

Lo staff ha accompagnato alcuni visitatori nelle principali strutture del villaggio (la spa, i tre ristoranti, i bar, le strutture per i bambini) prima di svelare ufficialmente la tarda che dà il via all'attività pragelatese del colosso del turismo francese.

 

A partire da domani sono attesi gli ospiti della prima settimana. Ottocento i posti letto della struttura, che saranno occupati progressivamente nell'arco di alcune settimane. Tra i primi arrivi sono prenotati soprattutto ospiti cinesi. A Natale si parlerà più francese. La settimana di Capodanno si preannuncia mista. In occasione del Natale ortodosso, invece, per la quarta settimana arriveranno molti ospiti russi.

 

Il personale a vario titolo impegnato nel villaggio diretto da Arnaldo Aiolfi oscilla tra i due e i trecento addetti. Un esempio per tutti: nel solo ristorante Piemonte - uno dei tre coordinati dallo chef Cristiano Perego - ci sono 44 addetti in cucina, 40 in sala e 25 per le pulizie.

 

Erano presenti all'inaugurazione numerose autorità locali, il vescovo di Pinerolo Pier Giorgio Debernardi, il Ten. Alberto Tulli comandante della Compagnia Carabinieri di Pinerolo, i sindaci di Gianni Pragelato Arolfo e di Sestriere Marin e il vice sindaco di Usseaux Blanc con vari assessori, il presidente della Sestrieres Spa Giovanni Brasso e molti altri.

Luca Prot
foto di Stefano Martin
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino