Venerdì 7 Agosto 2020Ultimo aggiornamento: 06/08/2020 - 23:15

Il mercoledì di sfide calcistiche: derby al Villar

Il mercoledì di sfide calcistiche: derby al Villar
Giovedì 10 Febbraio 2011 - 10:03

Sui campi pinerolesi si è giocato un atteso turno infrasettimanale.

In Promozione, ancora rinviate le partite del Cavour e dell'Orbassano, per impraticabilità dei terreni di gioco.

Sono scese in campo le squadre di Prima categoria. L'Infernotto ha battuto 3-0 i torinesi del Filaparadiso, con reti di Raffi e doppietta di Isaia nel primo tempo e due rigori sbagliati, uno per parte.

Ad Airasca si è giocato il derby della Val Chisone, che, a sorpresa, si è aggiudicato il Villar Perosa. Giannone ha portato in vantaggio i perosini al 43' su rigore, ma nella ripresa prima Franzin su punizione, poi Barral su azione di Ippolito e Militello, infine ancora Franzin hanno regalato tre punti fondamentali al Villar Perosa.

Altra sconfitta casalinga per il Luserna nel recupero infrasettimanale. Questa volta è il Moretta a portare via i 3 punti dal "Giuliano Bertolotto". Luserna in vantaggio al quarto d’ora con una forte punizione di Rossetto, pareggiata dopo la mezz’ora da una bella azione manovrata ospite finalizzata da Fiore. Nella ripresa i locali provano a sfondare, ma in contropiede è Ronga a gelarne le velleità.

Il Revello batte il Paesana Valle Po nel derby del girone G. Passa in vantaggio il  Revello al 14' : angolo di Sellam, di testa Miretti realizza. Nella ripresa Sellam al 13' si procura un calcio di rigore , lui stesso lo batte, calciando a lato della porta ospite. Il pareggio giunge al 28': Dalbesio tira dal limite, la palla diretta sul fondo incoccia sullo stinco di Raviolo e cambia direzione, finendo la sua corsa in rete.La rete dellla vittoria revellese arriva allo scadere: Sellam calcia una punizione, Miretti allunga di testa per Monge che mette dentro.

Laura Minolfi
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino