Sabato 6 Marzo 2021Ultimo aggiornamento: 05/03/2021 - 23:17

Canal: «Cerchiamo alloggi per rispondere all'emergenza»

Entro il 15 marzo in Comune le offerte dei privati
Venerdì 12 Marzo 2010 - 11:54

In città servono case in affitto, a canoni contenuti, subito. Per rispondere a quella che è ormai un'emergenza dichiarata l'assessorato alle Politiche sociali ha deciso di reperire sul mercato della locazione alloggi (almeno una decina, ma il numero verrà definito in base alle esigenze del momento) di nuova o vecchia costruzione, da affittare direttamente e poi destinarli a nuclei familiari in situazione di disagio sociale e in emergenza abitativa. «L'Amministrazione si sta muovendo da tempo su questo fronte - spiega l'assessore Giorgio Canal -, lo dimostra il successo del Programma casa che ha ottenuto i finanziamenti regionali, ma si tratta di una strategia a lungo termine. Questa nuova iniziativa, invece, si prefigge di dare una risposta nell'immediato».

La formula scelta dall'assessorato è quella della gara al ribasso sull'importo di base indicato dal Comune. Gli importi (canone annuo al metro quadro di superficie calpestabile esclusi balconi, cantina, ecc.) sono i seguenti: 125 euro per un monolocale (camera più cucina); 95 per alloggio di due camere più cucina; 85 per tre camere più cucina. Si tratta in media di un affitto intorno ai 400 euro al mese, compresivi di spese, per gli alloggi più piccoli, ma naturalmente l'Amministrazione spera di ottenere ribassi dalla gara.

Le offerte dovranno pervenire in busta chiusa riportante "Avviso pubblico di ricerca di disponibilità abitative" entro il 15 marzo, in municipio all'Ufficio politiche sociali. L'apertura delle buste è prevista per il prossimo 17 marzo, alle 15, presso la sala rappresentanza del Comune. Per informazioni ci si può rivolgere all’Agenzia sociale per la locazione, 0121 398.152, 338 786.2975.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino