Buriasco, cancellato il faccia-faccia elettorale organizzato da L'Eco del Chisone per venerdì: Zagrebelsky rinuncia

Buriasco, cancellato il faccia-faccia elettorale organizzato da L'Eco del Chisone per venerdì: Zagrebelsky rinuncia
Lunedì 20 Maggio 2024 - 10:50

Il faccia faccia tra i candidati sindaci di Buriasco, Alice Battisti, vice sindaco uscente a capo della lista "Progetto Comune" (lista 1) e Giovanna Zagrebelsky (lista 2 "Tradizione & Futuro"), organizzato da L'Eco del Chisone e a suo tempo programmato per venerdì 24 maggio (ore 21 al Teatro Blu), purtroppo è stato annullato per l'inaspettata rinuncia da parte della candidata Zagrebelsky.

Qui di seguito riportiamo le motivazioni addotte dalla candidata a giustificazione della sua decisione, che ci impone di annullare un evento organizzato, pubblicizzato, nonché parecchio atteso dai buriaschesi che per la prima volta avrebbero avuto l'opportunità di incontrare insieme e conoscere le due candidate (non dimentichiamo che per la prima volta Buriasco avrà un sindaco donna). Quanto a noi, prendiamo atto di quanto contenuto nella lettera pervenuta via mail questa mattina alla redazione, ma riteniamo sia un'occasione persa, anche perché queste rimostranze avrebbero potuto emergere proprio nel confronto di venerdì. Come prevedibile e annunciato, alle ore 15,20 di oggi è arrivata la replica di Alice Battisti, che potete leggere in coda all'articolo. 

 

LE MOTIVAZIONI DELLA RINUNCIA DI GIOVANNA ZAGREBELSKY

In merito al confronto previsto per il 24 maggio 2024 con Alice Battisti, ci vediamo costretti a rinunciare in quanto:

Non si sono ricevute risposte in merito interpellanze / interrogazioni, presentate con largo anticipo.

Non è stata data alla minoranza, durante il mese di aprile, la possibilità di confronto con la maggioranza nella sede preposta del Consiglio Comunale.

Negli ultimi due mesi sono stati pubblicati con un ritardo di 8/10 mesi degli atti della Giunta Comunale, adottati con urgenza, nella primavera-estate dell’anno 2023; atti di fondamentale importanza sia per la cittadinanza che per l’approntamento del programma elettorale, inerenti all’argomento palestra comunale.

Non è stato approvato entro il termine del 30 aprile previsto dalle norme di legge vigenti (ART. 227 T.U.E.L. e Regolamento Comunale di Contabilità) e rimarcato dalla Corte dei Conti, il Rendiconto 2023, documento che riassume l’attività finanziaria dell’Ente nell’anno precedente, imprescindibile riferimento per la programmazione futura.

In merito all’avviso pubblicato in data 10 maggio 2024, relativo alla presentazione e deposito dello schema di rendiconto della gestione 2023, approvato dalla Giunta Comunale, ai sensi dell’art. 77, comma 3 del Regolamento di Contabilità, approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 27 del 26.07.2017, che testualmente recita:

“Almeno 20 giorni prima dell’inizio della Sessione Consiliare in cui viene esaminato il rendiconto, sono posti a disposizione dei consiglieri, presso la Segreteria del Comune:

- la proposta di deliberazione

- lo schema di rendiconto

- la relazione al rendiconto di cui all’art. 231 del TUEL approvato dalla Giunta

- la relazione dell’organo di revisione”.

Il lunedì 13 maggio, tre giorni dopo il deposito, non è stato possibile per la sottoscritta reperire presso la Segreteria del Comune i documenti allegati relativi alla delibera di Giunta Comunale n. 41 nella seduta avvenuta in modalità telematica alle ore 17:40 del 10.05.2024. Tali documenti sono stati resi disponibili solo martedì 14 maggio e pubblicati all’Albo Pretorio in data 16 maggio 2024 e, inoltre, non soddisfano quanto previsto dalla norma sopracitata, in quanto mancanti della relazione del revisore.

Essendo previsto che prima della sessione consiliare, siano messe a disposizione dei Consiglieri Comunali anche la proposta di deliberazione consiliare completa della relazione dell’organo di revisione, per un periodo di almeno 20 giorni, per garantire un attento e congruo esame, viene messa a rischio l’approvazione del Rendiconto entro la data delle elezioni.

Tale mancanza potrebbe tradursi in una sospensione dell’erogazione dei trasferimenti ordinari al Comune da parte dello Stato.

Inoltre, non si è a conoscenza delle intenzioni dell’amministrazione circa l’approvazione del PEF – Piano Economico Finanziario e tariffe TARI 2024.

Considerando violato il principio di rispetto delle normative e di trasparenza si ritiene di non affrontare il confronto che dovrebbe avvenire con l’attuale Assessore al Bilancio, candidata Sindaco, Alice Battisti.

 

LA REPLICA DI ALICE BATTISTI

L’Eco del Chisone mi ha comunicato l’annullamento del confronto di venerdì sera, vista la rinuncia da parte della candidata Giovanna Zagrebelsky.

Sono molto dispiaciuta di non potermi confrontare con Lei, poiché sono profondamente convinta, come lo è tutto il gruppo, che solo dal confronto si possano evidenziare le differenze di pensiero, le eventuali analogie e crescere.

Non nascondo che non lo avrei affrontato con leggerezza, poiché è sempre una sfida in primis con sé stessi, ma l’aver accettato, ormai settimane orsono, era nella convinzione di poter fare una cosa interessante per il bene di Buriasco e per i suoi cittadini e perché credo profondamente nel nostro Progetto Comune.

Leggo con dispiacere che si sollevano questioni relative al passato, sulle quali avrei, ma lo farò comunque, fatto chiarezza anche in occasione del confronto se fosse stato necessario, ma ribadisco che avrei avuto piacere di confrontarmi sui programmi delle due liste per il futuro di Buriasco.

 

Articolo modificato alle ore 15,27 di lunedì 20 maggio con l'aggiunta della replica di Alice Battisti.

L.S.
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.
Paola Molino