Calcio giovanile: il pinerolese Scalia lascia il Chisola dopo nove anni

Calcio giovanile: il pinerolese Scalia lascia il Chisola dopo nove anni
Martedì 13 Aprile 2021 - 11:51

Cambio di vertice all’interno del Chisola calcio: dopo ben nove anni, Vincenzo Scalia non sarà più il DG della società di Vinovo: “Sgomberiamo subito la mente da strane idee: non ho ricevuto offerte da alcunché che mi abbiano fatto maturare questa decisione Dopo quasi dieci anni di collaborazione è normale decidere di variare e pensare al futuro: vi sono state piccole divergenze di vedute riguardo determinate questioni che mi hanno spinto a cambiare ed a decidere il meglio per me e per la società. Nonostante ciò, rimango e rimarrò sempre il primo tifoso del Chisola calcio e del presidente Luca Atzori, al quale, comunque, mi lega una profondissima amicizia, tant’è che lui stesso mi ha chiesto a più riprese di tornare sui miei passi, di ripensarci. Al momento, però, ho bisogno di staccare, prendermi una pausa e pensare ad altro”. Tanti i successi in questa decade con il settore giovanile, con i quali testimoniare l’ottimo lavoro svolto in questo periodo: “Sono stati nove anni davvero intensi e stupendi, pieni di successi e anche qualche, per fortuna non troppe, sconfitte. Ricordarne uno in particolare sarebbe un torto per gli altri: dalle vittorie dei campionati Regionali, alla finale Nazionale raggiunta con i 2002 per arrivare alla Stella Bianca (conferimento dato dalla LND per la società che ha conquistato dieci titoli Regionali), sono tutti ricordi bellissimi ed indelebili”. Al momento, il ruolo ricoperto sino alla scorsa settimana da Scalia sarà affidato, momentaneamente, a Giorgio Cornelj, tecnico dell’Under 19: “Lascio il mio ruolo a gente sicuramente di valore e che saprà come muoversi: per il resto il Chisola sarà sempre come una seconda casa per me”.

Marco Calabrese
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino