Pragelato, al Comune la gestione dei trampolini scuola: disco verde per i lavori

Pragelato, al Comune la gestione dei trampolini scuola: disco verde per i lavori
Giovedì 8 Aprile 2021 - 19:18

Il Comune di Pragelato ottiene da Parcolimpico la gestione in concessione dei tre trampolini piccoli, strutture fondamentali per sviluppare l'attività del salto in ambito giovanile, "facendo vivere quest'eredità olimpica purtroppo trascurata per troppi anni" . La convenzione siglata rappresenta il disco verde per l'utilizzo delle risorse(tesoretto olimpico) rese disponibili dalla Legge 65/2012 e investirle per gli interventi di riqualificazione e funzionalizzazione dell'impianto. Dopo i lavori, i tre trampolini scuola da 15, 30 e 60 metri saranno omologati sia per attività estive che invernali. Sono in corso anche contatti con la FISI per disporre del supporto necessario ed indispensabile affinchè sul territorio possa decollare una squadra di saltatori."Si tratta di un primo tassello per riqualificare l'intera area del sito del salto in quanto altri progetti sono in corso di esame anche da parte della Regione Piemonte - commentano il sindaco, Giorgio Merlo, e l'assessore a Turismo e Sport, Claudio Salvai -. Progetti che ci permetteranno di trasformare l'attuale area in una zona fruibile anche per attività ludiche e sportive. Interventi, comunque sia, che finalmente possono contribuire a rilanciare Pragelato consolidando la sua vocazione sportiva e turistica". La convenzione Comune- Parcolimpico è stata consegnata a Scr, la società di committenza regionale, che dovrà dare inizio alla progettazione delle opere che erano state già evidenziate dal tecnico omologatore FISI durante il sopralluogo degli impianti avvenuto il 21 maggio 2019. A seguire Scr dovrà individuare la ditta a cui appaltare il lavoro esecutivo. 

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino