Martedì 20 Aprile 2021Ultimo aggiornamento 10:37

Giro d'Italia, a Sestriere cambia la maglia rosa: Hindley leader, tappa a Geoghegan Hart

Giro d'Italia, a Sestriere cambia la maglia rosa: Hindley leader, tappa a Geoghegan Hart
Sabato 24 Ottobre 2020 - 16:11

La  Alba – Sestriere stravolge la graduatoria: il ribaltone è servito nella penultima tappa del Giro d’Italia, andata a Geoghegan Hart, protagonista di un testa a testa con la nuova maglia rosa, l’australiano Hindley. Il pubblico del Colle festeggia un cambio di leader, sempre in maglia Sunweb. Ma il cedimento del leader Keldermann è clamoroso, paga 1’35”. Già alla prima ascesa si infuocava la situazione con maglia rosa in crisi sotto l’azione di Geoghegan Hart e Hindley(i due sono a pari tempo nella graduatoria assoluta), supportato da un splendido Rohan Dennis, terzo a 25”. Nulla ancora deciso: la crono di Milano definirà il vincitore dell’edizione 2020. Al secondo passaggio a Sestriere transitava primo Rubio, colombiano della Movistar che aveva sopravanzato Ballerini, superstite della prima fuga, arrivata a vantare 7’ di vantaggio. Ma lo spettacolo era dietro. E'stata una giornata di grande sport, vetrina del territorio grazie anche alle perfette condizioni meteo, sottolineatura di un legame forte tra Sestriere e massimi eventi agonistici, alla vigilia di una stagione invernale condizionata dal Covid, anche se la stazione farà di tutto per articolare in sicurezza l'apertura degli impianti sciistici. Il forzato cambio di programma rispetto al tracciato originario ha previsto tre scalate al Colle e prima dell'imbocco della Val Chisone c'erano state le belle suggestioni del transito ad Osasco - in strada per festeggiare Mosca - e in centro a Pinerolo, con pubblico rispettoso delle regole di distanziamento.

Marco Gallian
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino