Domenica 5 Luglio 2020Ultimo aggiornamento 15:07

Coronavirus: Cirio annuncia bonus di 2500 euro per ristoratori e altre categorie

Coronavirus: Cirio annuncia bonus di 2500 euro per ristoratori e altre categorie
Sabato 2 Maggio 2020 - 12:30

Il presidente della Regione, Alberto Cirio ha annunciato, questa mattina in una conferenza stampa appena terminate, la decisione di erogare un bonus di 2500 euro a fondo perduto per alcune categorie di imprenditori particolarmente colpite dalla chiusura delle attività per l'emergenza Covid19. Si tratta, ma si attende un elenco ufficiale più dettagliato, di soggetti titolari di : ristoranti, bar, pasticcerie/gelaterie, aziende di catering, centri estetici, parrucchieri, sale da ballo/discoteche. Per quanto riguarda i rifugi è previsto un bonus di 2000 euro per sostenere le spese di adeguamento alle norme sulla distanza sociale.

«Per ottenere il "bonus piemonte" la procedura sarà semplice e immediata» ha spiegato il presidente della Regione Piemonte. Secondo quanto è stato anticipato i titolari delle aziende comprese nell'elenco dei beneficiari riceveranno una comunicazione via Pec dalla Regione con la richiesta di fornire l'iban su cui  versare i 2500 euro. Non sarà richiesto alcun altro documento o certificazione, il denaro verrà versato in pochi giorni. Il provvedimento, che verrà approvato lunedì in giunta, potrebbe diventare operativo dal 15 maggio. I soggetti interessati sono in tutto 37.000 e richiederanno una copertura finanziaria di 88 milioni di euro, coperti interamente dalle casse della Regione e anticipati da Finpiemonte.

Per quanto riguarda l ristoranti e bar la Regione intende rivedere la legge urbanistica in merito all'occupazione di suolo pubblico per dehor, le pratiche saranno semplificate e ci sarà un abbattimento degli oneri. Altri interventi saranno inseriti nel provvedimento più generale denominato "riparti Piemonte".

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino