Mercoledì 23 Settembre 2020Ultimo aggiornamento 18:50

Sestriere: 13 mila tifosi accreditati per la Coppa, ma ancora tanti posti liberi

Sestriere: 13 mila tifosi accreditati per la Coppa, ma ancora tanti posti liberi
Giovedì 16 Gennaio 2020 - 11:51

Mancano poche ore all'apertura del sipario italiano sull’Audi Fis Ski World Cup femminile: sabato 18 e domenica 19, vanno in scena due slalom giganti a Sestriere. Grande spettacolo per gli appassionati di sci che seguiranno la diretta in mondovisone (collegamenti Rai) e per migliaia di tifosi che sceglieranno di guardare le gare direttamente dal parterre sulle piste del Colle. Le carovane dei fans sono già in viaggio: sono attese oltre 20 mila persone alla due giorni di eventi. Il primo importante traguardo, per la Sestrieres Spa è già stato raggiunto con il numero degli accrediti che quest'anno supera i 13.000 tifosi. Tra sci club, fan club, associazioni varie e appassionati, il parterre d’arrivo sarà gremito per supportare le campionesse in gara che si sfideranno nel gigante della prima giornata e nel parallelo di domenica. Tra questi 13 mila, circa 8.000 sono gli appartenenti agli sci club promozionali e del territorio che si sono accreditati nelle settimane scorse. “L’ottimo risultato fin qui raggiunto nell’attività di accreditamento lo si deve soprattutto alla preziosa collaborazione con la FISI A.O.C. – ha commentato Gualtiero Brasso, Presidente del Comitato Organizzatore – che ha saputo coinvolgere gli affiliati di tutto il Piemonte. Solo grazie alle sinergie tra le varie realtà del territorio coinvolte è possibile organizzare una manifestazione di così alto livello internazionale”.

Tutti coloro che, pur volendo assistere allo spettacolo, non si sono accreditati potranno comunque seguire la manifestazione nelle aree ad accesso libero dedicate al pubblico nella zona d'arrivo.

m.mié

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino