Lunedì 21 Ottobre 2019Ultimo aggiornamento 19:16

Chisola Calcio premiato con la Stella Bianca al merito sportivo

Chisola Calcio premiato con la Stella Bianca al merito sportivo
Venerdì 4 Ottobre 2019 - 10:52

Il 3 ottobre 2019 resterà per sempre una data da ricordare per il Chisola calcio. Serata in pompa magna per il collettivo che, da ormai 20 anni, lega, i comuni di Piobesi, Candiolo e Vinovo, cui è stata assegnata, dagli Organi Federali calcistici, la Stella Bianca al merito sportivo. Prima volta dell'assegnazione del premio, che viene riconosciuto dalla Lega alle squadre che riescono a conseguire dieci titoli regionali complessivi. Giocando ben 20 finali (in venti anni di storia) il Chisola è riuscito ad ottenere la riconoscenza che decorerà le casacche da gioco bianche e blu nelle prossime competizioni.

Momento di grandissima intensità emotiva sul palco del Cinema Auditorium di Vinovo, quando Christian Mossino - presidente Lnd - ha materialmente consegnato la stella tra le mani del numero uno chisolese Atzori il premio. "Siamo orgogliosi di consegnare questo premio - ha dichiarato il massimo rappresentante dela Lega - è sintomatico della grande organizzazione della società che ci apprestiamo a premiare. Riconosciamo soprattutto il grande lavoro che viene svolto dagli allenatori, dai dirigenti e da tutti coloro i quali rendono poi possibile la traduzione sul campo di grandi sacrifici".

Fa eco il patron Atzori: "Che dire, siamo davvero contentissimi ed in questa immensa soddisfazione sportiva non possiamo che essere riconoscenti verso tutti coloro i quali danno tutto per essere parte di questa grande famiglia. E' un momento unico per la giovane storia della nostra società e dobbiamo godercelo, continuando a lavorare".

In questa occasione il Chisola ha voluto riconoscere il grande lavoro svolto da personaggi storici, ossatura della società vincente. Si sono così alternati sul palco per ricevere una targa premio Luciana Marola, un commosso Gigi Calcia, il direttore generale Scalia, i mister Giorgio Brighenti e Andrea Comotto, i coniugi Crifò, Giampiero Ferrero ed il papà di Gianluca Germinario giocatore che, pur di restare al Chisola, in estate, ha rifiutato i corteggiamenti di una professionista. Hanno chiuso con interventi Perrone per la Scuola Calcio e le autorità politiche vinovesi: assessore allo sport e sindaco. E' stata anche occasione per presentare la partita "Papà gol", che sarà giocata il prossimo 13 marzo e che conivolgerà la Nazionale calcio TV contro una selezione di papà vinovesi. L'incasso della manifestazione sarà interamente devoluto in beneficenza.

Giovanni Dellavalle