Perseverare è diabolico o, invece, riprovarci è un dovere? Mettiamola così: se la Giunta Buttiero ha deciso di rilanciare, a far data dal 1º maggio, il cosiddetto progetto bike sharing avrà, vogliamo sperare, scrupolosamente vagliato i pro ed i contro malgrado in municipio non si avverta poi quel grande entusiasmo. A poco più di un mese dal ritorno delle biciclette pubbliche sulle rastrelliere pare infatti di capire che pochi se la sentirebbero di scommettere su un'operazione che fin dall'inizio (fu inaugurata il 29 giugno del 2007) non stupì con effetti speciali.

Si concluderà mercoledì 23 maggio il processo, con rito abbreviato, a carico di un ispettore capo della Polizia postale in servizio alla Questura di Torino, accusato di tentata violenza sessuale ai danni di una giovane collega poliziotta che l'aveva denunciato a fine settembre. Dopo l'udienza di questa mattina il giudice Gianni Reynaud ha rinviato il procedimento per la discussione.Continua a leggere

In un colpo solo sono passati da 676 a 1.190 i box di sosta delimitati dalle strisce blu. Significa che posteggiare gratuitamente nel centro di Pinerolo è sempre più difficile ora che anche la parte sud di piazza Vittorio Veneto ha ceduto all'offensiva dei parcometri.

Due giovani donne sono state denunciate dai Carabinieri di Pinerolo, che le hanno sorprese sabato 17 in via al Colletto attorno alle 14,30, con addosso due grossi cacciaviti e un intero servizio da tè, poi risultato rubato.
A permettere l'identificazione, le segnalazioni al 112 di alcuni cittadini che abitano nella zona tra via al Colletto e strada Serena. Accompagnate in caserma, la perquisizione eseguita da una vigilessa ha permesso di trovare attrezzi per lo scasso e refurtiva. (approfondimenti nell'edizione in edicola)

L'ultima volta gli appassionati e i collezionisti si erano lasciati ad ottobre, all'ultima mostra-mercato del libro antico e moderno, sotto i portici della Pinerolo vecchia.
Con l'augurio di ritrovarsi per una nuova edizione (la terza). Edizione che, puntualmente, gli organizzatori dell'associazione culturale Maellum, hanno deciso di riportare in città. Con due novità fondamentali.

Edizione 11 del 14/03/2012

Accattonaggio organizzato?

Sarebbero "organizzati" da un connazionale i giovani di colore che, da molto tempo ormai, sostano in varie zone della città con il cappello in mano per poi ritrovarsi in piazza Facta per fare il punto sugli "incassi" prima di raggiungere la stazione. Se la loro è una presenza discreta, altrettanto non si può dire dei "posteggiatori" nomadi e non che, in piazza Vittorio Veneto, spesso infastidiscono e molestano. (approfondimenti nell'edizione in edicola)

Edizione 11 del 14/03/2012

Carabinieri alla Bochard

Il sindaco di Pinerolo, Eugenio Buttiero ha fatto bingo. In una sola giornata, in due incontri separati, è riuscito a ottenere la promessa, dall'Agenzia del demanio e dalla Sovraintendenza ai beni storici, che sarebbero stati rimossi gli ostacoli che finora hanno impedito il passaggio della caserma Bochard al Comune di Pinerolo.

Non c'è pace per gli invalidi. Per quelli veri. Lo dimostra la storia di J.D.G., ragazzo pinerolese conosciuto tra i suoi amici con il nome di Davide. Ventun anni a primavera e praticamente da sempre su una sedia a rotelle. All'età di quattro mesi gli fu infatti diagnosticata la distrofia muscolare congenita. Fino all'età di 11 anni è riuscito a camminare, sia pure molto lentamente e in maniera molto precaria; poi, purtroppo, la deambulazione è diventata per il giovanissimo Davide un sogno impossibile, ed è stata necessaria la sedia a rotelle.

Edizione 11 del 14/03/2012

Mano tesa, tra fastidio e pietà

Gentili, sorridenti, persino dignitosamente vestiti. Non hanno nulla dell'accattone classico con il cartello appeso al collo e la disperazione d'ordinanza dipinta sul volto, i giovani di colore che abitualmente stazionano lungo il quadrilatero dei portici ed in molte strade del centro.
La loro è una presenza discreta, evidentemente studiata: non chiedono apertamente l'elemosina, evitano di avvicinare il cappello al passante, non fanno pressioni, salutano cortesi. (approfondimenti nell'edizione in edicola)

Non è più solo il semaforo di corso Bosio. Il sistema Vista red che filma gli automobilisti mentre passano con il rosso sarà presto in funzione (è in fase di collaudo) anche all'incrocio tra piazza Barbieri, piazza Cavour e corso Torino, come testimonia il vistoso cartello che ne segnala l'esistenza.