Scopriminiera: venerdì 7 maggio riaprono le visite dopo lo stop per l'emergenza sanitaria

Scopriminiera: venerdì 7 maggio riaprono le visite dopo lo stop per l'emergenza sanitaria
Giovedì 29 Aprile 2021 - 11:22

A sei mesi dall'ultima visita alle miniere Paola e Gianna, venerdì 7 maggio l’Ecomuseo delle Miniere e della Val Germanasca riprende l'attività accogliendo pubblico dopo la lunga chiusura per l’emergenza sanitaria. Riprendono quindi le visite guidate ai sotterranei delle miniere del talco - garantiscono i responsabili dell'ecomuseo - «più bianco e puro che esista al mondo».

«Cresce anche l’emozione dello staff per questo giorno che avrà quasi il sapore di una vera e propria inaugurazione, dopo una pausa così lunga e complicata» aggiunge il direttore Luca Genre. Verranno applicati i protocolli anti-contagio progettati con ReMi (la rete nazionale delle miniere turistiche) e già ampiamente sperimentati lo scorso anno e: «questo è un primo passo verso il ritorno alla normalità: avviamo la stagione dei tour guidati in miniera in totale sicurezza per i nostri clienti e gradualmente, offrendo per ora la possibilità della visita mineraria ScopriMiniera, lungo 1,5 km della miniera Paola». L’offerta completa, riaprendo al pubblico anche il percorso geologico ScopriAlpi, nella miniera Gianna, dovrebbe essere riattivata in un paio di settimane.

Nella prima fase le visite guidate si potranno effettuare il venerdì, il sabato e la domenica ed eventuali festivi. Il punto di ristoro potrà offrire solo servizio bar in esterno e soprattutto che occorrerà sempre che la prenotazione dei tour guidati in miniera venga definita entro le ore 17 del giorno precedente (telefonicamente al numero 0121.806987 o compilando l’apposito form sul sito web www.ecomuseominiere.it).

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino