Domenica 18 Aprile 2021Ultimo aggiornamento: 17/04/2021 - 23:35

Casa cantoniera sgomberata a Oulx: l'Alp di Pinerolo ringrazia i volontari che aiutavano i migranti

Casa cantoniera sgomberata a Oulx: l'Alp di Pinerolo ringrazia i volontari che aiutavano i migranti
Venerdì 26 Marzo 2021 - 14:33

Anche il sindacato Alp di Pinerolo ha espresso solidarietà ai volontari e ai migranti della casa cantoniera di Oulx, occupata dal 2019 e sgomberata dalle Forze dell'ordine all'alba dello scorso 23 marzo. Un'operazione applaudita, tra gli altri, dal locale consigliere leghista Valter Marin (di Sestriere) come un «ripristino della legalità» e condannato come un «atto di cinismo» dalla sezione provinciale di Rifondazione comunista.

 

Il Presidente dell' Associazione Lavoratori Pinerolesi, Franco Bergoin, commenta: «La casa cantoniera sgomberata era gestita da un gruppo di anarchici di varie nazionalità. Il luogo era stato denominato " Chez JesOulx". Per due anni  i ragazzi hanno lavorato molto in condizioni generali difficili, spesso estreme. Con pochi mezzi a disposizione hanno espresso con i fatti una solidarietà disinteressata rivolta agli ultimi. Hanno dimostrato che è possibile non odiare.

Presso la casa cantoniera occupata qualsiasi persona di qualsiasi provenienza e di qualsiasi religione ha potuto trovare aiuto, accoglienza, riparo e pasti caldi. Tanta umanità e zero odio. Come dovrebbe essere in un mondo non capovolto.

Sono passati da Oulx centinaia di migranti provenienti dal nord Africa, dalla rotta balcanica e dai luoghi più violenti del nostro pianeta.  Non di  rado hanno accudito donne e bambini. Ringraziamento: sgombero e denunce. 

L'Associazione Lavoratori Pinerolesi ringrazia tutti i ragazzi che in questi due anni si sono avvicendati in frontiera.  L' ALP/CUB sta da sempre dalla parte degli sfruttati, dei perdenti, degli ultimi e dunque a presto».

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino