Pinerolo: dal 23 marzo limiti di circolazione ai veicoli Euro 4

Pinerolo: dal 23 marzo limiti di circolazione ai veicoli Euro 4
Lunedì 22 Marzo 2021 - 19:09

Da martedì 23 marzo anche a Pinerolo entrano in vigore le nuove regole regionali per il miglioramento della qualità dell'aria. Si tratta di limitazioni alla circolazione dei veicoli, all'uso delle stufe in casa e alle pratiche agricola.

 

Per quanto riguarda i veicoli, è definitivamente vietata la circolazione di tutti i diesel e benzina fino a Euro 2 e dei GPL e metano fino a Euro 1.

 

Fino al 15 aprile c'è il divieto di circolazione per i diesel Euro 4 dalle 8 alle 19 dal lunedì al venerdì; il divieto verrà sospeso dal 16 aprile e tornerà in vigore dal 15 settembre 2021 al 15 aprile 2022. Dal 2023 verrà poi esteso fino agli Euro 5

 

L'ordinanza pubblicata dal Comune spiega che «È interessato alle limitazioni tutto il territorio del comune di Pinerolo, ad eccezione della Strada Provinciale 23 del Colle di Sestriere e della Strada Provinciale 589 dei laghi di Avigliana».

 

Non è finita. Quando viene previsto un livello di polveri sottili nell'aria superiore al consentito, scatteranno due livelli di semaforo che renderanno le limitazioni ancora più severe. Ci sono però delle deroghe che consentono l'uso dell'auto ad alcune categorie di persone. Per l'elenco completo dei divieti e delle deroghe rimandiamo all'ordinanza sul sito del Comune.

 

Per il momento restano aperti interrogativi riguardo ai controlli (e alle sanzioni) e alla comunicazione a tutti i cittadini. Per il momento il semaforo può essere verificato sul sito di Arpa Piemonte mentre per la classe ambientale (categoria Euro) del proprio veicolo si rimanda al Portale dell'Automobilista (Ministero dei Trasporti).

 

Ultima modifica: 22 marzo 2021 alle 21.08

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino