Lunedì 19 Aprile 2021Ultimo aggiornamento: 17/04/2021 - 23:35

Cavalli dopati, i carabinieri del Nas sequestrano una scuderia nel pinerolese

Cavalli dopati, i carabinieri del Nas sequestrano una scuderia nel pinerolese
Venerdì 26 Febbraio 2021 - 10:28

A conclusione di un’articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Torino e condotta dal pm Vincenzo Pacileo, i carabinieri del Nas di Torino hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo di un’importante azienda ippica di Pinerolo, che attualmente ha in gestione circa 60 cavalli. Le indagini hanno avuto origine nell’autunno dell'anno scorso quando, durante un concorso ippico nazionale di categoria mista tenutosi ad Abbadia Alpina, i militari del Nas avevano eseguito dei prelievi dei liquidi biologici ai cavalli vincitori dei quattro premi in palio, tutti riconducibili alla stessa scuderia: si tratta del centro federale "Dogonda" di strada antica di Piscina 110 a Pinerolo.

Nell’occasione, erano già stati rinvenuti all’interno e in prossimità dei box di stazionamento dei cavalli, alcuni dispositivi per l’inoculazione, nonché diversi medicinali ad uso veterinario, il cui solo possesso in occasione degli eventi agonistici è vietato dai regolamenti della Federazione Italiana. Le analisi di laboratorio sui campioni prelevati hanno riscontrato la presenza di una estesa varietà di sostanze farmacologicamente attive – antinfiammatori, sedativi, anti-ipertensivi, diuretici – tutte somministrate agli animali in assenza di prescrizioni da parte di medici abilitati e di provenienza ignota. I titolari del maneggio sono stati denunciati per maltrattamento di animali, esercizio abusivo della professione medica e frode in competizioni sportive. 

pa. pol.
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino