Mercoledì 25 Novembre 2020Ultimo aggiornamento 16:38

Legge regionale "Marin" sulla sicurezza per lo sport in montagna frenata in commissione su fuoripista ed eliski

Legge regionale "Marin" sulla sicurezza per lo sport in montagna frenata in commissione su fuoripista ed eliski
Giovedì 12 Novembre 2020 - 15:16

La proposta di legge 66 del consigliere Valter Marin (Lega) sulla sicurezza nella pratica degli sport invernali ed estivi e disciplina dell’attività di volo in zone di montagna, dovrà affrontare ulteriori approfondimenti tecnici, come richiesto dai gruppi di opposizione Pd e M5s.

 

La decisione è stata presa in una congiunta della terza e sesta Commissione, presieduta da Paolo Bongioanni. Gli approfondimenti toccano i seguenti punti:

• Il consigliere Daniele Valle (Pd) ha rilevato una serie di criticità sulle distanze tra le piste e gli edifici adiacenti ("fasce di rispetto") e sulla sicurezza, che sarebbe garantita dagli impiantisti all’interno della pista ma non per il fuoripista.
• Giorgio Bertola  e Sarah Disabato (M5s) hanno evidenziato una serie di nodi da sciogliere sulla pratica dell’eliski, rispetto alla quale hanno comunque ribadito totale contrarietà per le implicazioni etiche, ambientali e di sicurezza.

 

Marin, ex sindaco di Sestriere, aveva già avanzato una proposta di riscrittura della Pdl, che recepiva molti degli emendamenti presentati e teneva conto delle osservazioni delle associazioni ambientaliste, delle guide alpine e dei maestri di sci sentiti in audizione nel corso dell’anno. Nell'ultima commissione congiunta ha dato disponibilità a proporre ulteriori correzioni alla luce delle considerazioni emerse anche nel Gruppo di lavoro del Consiglio dedicato ad esaminare il testo, per arrivare ad una soluzione condivisa che consenta di portare in provvedimento in Aula in tempi rapidi.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino