Sabato 24 Ottobre 2020Ultimo aggiornamento: 23/10/2020 - 22:04

Sestriere: messi a dimora 1.500 pini e larici grazie alla Coppa del Mondo

Sestriere: messi a dimora 1.500 pini e larici grazie alla Coppa del Mondo
Mercoledì 14 Ottobre 2020 - 16:24

Il progetto di eco-sostenibilità che aveva accompagnato la preparazione delle gare di Coppa del Mondo dello scorso 18 e 19 gennaio, oggi è giunto all’ultima fase. Nei giorni del pre-evento, dieci mesi fa, l’attenzione era stata massima per la scelta di materiali riciclati, riciclabili e biodegradabili per l’acquisto di carta, TNT e gadget vari. Anche per la cernita dei fornitori, per quanto possibile, era stata data priorità a quelli a “km 0”, così come svariati partner avevano promosso prodotti Bio ed Eco. Ora, la Sestrieres Spa e il Comitato Oragnizzatore della Coppa del Mondo sono entrati nella fase finale del progetto per un impatto ambientale immediato molto concreto ed ambizioso: in questi giorni sono infatti state messe a dimora le prime piantine di larice e pino cembro, a completamento delle iniziative che hanno contribuito a identificare le gare di Sestriere come “Evento green”. Il progetto prevedeva infatti di piantare un albero ogni 20 persone accreditate e che assistettero alle gare di Coppa del Mondo. Verranno così inserite sui versanti di Sestriere circa 1.500 pini cembri e larici, grazie alle 30.000 persone che, nei giorni della Coppa, avevano raggiunto il Colle. Il Consorzio Forestale è chiaramente stato parte attiva nel progetto, ha identificato l’area destinata all’intervento, la zona del Rio Vallonas nel Comune di Sestriere, ed ha dettato tutte le linee guida per effettuare il lavoro, dalla tipologia di piante più adatte al pendio, alle metodologie per effettuare una corretta messa in posa.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino