Mercoledì 12 Agosto 2020Ultimo aggiornamento: 11/08/2020 - 21:14

Terapie intensive Covid-free agli ospedali di Pinerolo e Rivoli

Terapie intensive Covid-free agli ospedali di Pinerolo e Rivoli
Martedì 16 Giugno 2020 - 16:21

Da questa mattina anche la Rianimazione dell’ospedale di Rivoli non ospita più pazienti positivi ed è quindi finalmente “Covid free”. Un risultato che all'ospedale Agnelli di Pinerolo era già stato raggiunto qualche giorno prima, all'inizio di giugno.

 

«È un passaggio dal grande significato simbolico - commenta l'Azienda sanitaria TO3 -. In precedenza era stato l’ospedale di Susa a festeggiare le dimissioni dell’ultimo paziente, chiudendo del tutto il reparto Covid. La costante diminuzione dei pazienti positivi ricoverati sta consentendo così di ripristinare progressivamente le attività ordinarie».

 

RIPRESA DELLE ATTIVITÀ ORDINARIE

A Rivoli la scorsa settimana sono stati riaperti i due reparti di Medicina Generale situati al terzo piano, mentre già a maggio erano stati liberati Ortopedia e Urologia che hanno ripreso, seppur in modo graduale, con la chirurgia e con le degenze. Oggi nell’ospedale resta un solo reparto riservato ai pazienti Covid, all’ottavo piano, con 10 ricoverati totali. Nel picco epidemico tra la fine di marzo e l’inizio di aprile l’ospedale ospitava più di 160 pazienti positivi, 19 dei quali in Rianimazione.

 

Pinerolo nel picco dell’epidemia aveva oltre 100 ricoverati: «ad oggi ospita soltanto alcuni pazienti negativizzati e in via di guarigione» aggiorna l'Asl. Già a metà maggio era stato possibile riaprire e riconvertire alle degenze ordinarie il reparto di Medicina, al terzo piano della struttura.

 

«Un ulteriore importante tassello si va ad aggiungere ai segnali confortanti di queste ultime settimane, che sono arrivati dopo mesi durissimi per gli operatori sanitari e per tutto il personale. Possiamo proseguire sulla strada di un graduale ritorno alla normalità, mantenendo sempre le necessarie precauzioni per permettere lo svolgimento delle attività sanitarie in sicurezza» sottolinea il Direttore Generale dell’Asl To3 Flavio Boraso.

 

CORONAVIRUS IN PIEMONTE: 22.755 PAZIENTI GUARITI

Oggi, 16 giugno, l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 22.755 (+193 rispetto a ieri), così suddivisi su base provinciale: 2579 (+59) Alessandria, 1292 (+11) Asti, 802 (+0) Biella,   2176(+8) Cuneo, 2011  (+5 ) Novara, 11.869 (+ 108) Torino, 958 (+1 ) Vercelli, 917 (+ 0) Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 151  (+1) provenienti da altre regioni.

Altri 1867 sono “in via di guarigione”, ossia negativi al primo tampone di verifica, dopo la malattia e in attesa dell’esito del secondo.

 

I DECESSI NELLA REGIONE SALGONO A 4018

Sono 6 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati nel pomeriggio dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 0 al momento registrati nella giornata di oggi (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid).

Il totale è di 4018 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi su base provinciale:

663 Alessandria, 250 Asti, 208 Biella, 391 Cuneo, 345 Novara, 1.772 Torino, 217 Vercelli, 131 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 41 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte.

 

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI

Sono 31.090 (+ 29 rispetto a ieri, di cui 27 asintomatici: Dei 29: 24 screening, 2 in RSA, 1 contatto e 2 fase di accertamento) le persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte, così suddivise su base provinciale: 4019 Alessandria, 1866 Asti, 1042 Biella, 2830 Cuneo, 2748 Novara, 15.803 Torino, 1.316 Vercelli, 1117 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 260 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 89 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

I ricoverati in terapia intensiva nella Regione Piemonte sono 28 (invariati rispetto a ieri).

I ricoverati non in terapia intensiva sono 472 (-45 rispetto a ieri).

Le persone in isolamento domiciliare sono 1950.

I tamponi diagnostici finora processati sono 372.948, di cui 205.447 risultati negativi.

 

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino