Lunedì 13 Luglio 2020Ultimo aggiornamento: 12/07/2020 - 22:47

Bracconaggio a Torre Pellice: grifone ferito da pallini da caccia soccorso in gravi condizioni

Bracconaggio a Torre Pellice: grifone ferito da pallini da caccia soccorso in gravi condizioni
Martedì 16 Giugno 2020 - 11:48

Ieri pomeriggio i Carabinieri Forestali hanno consegnato ai tecnici faunistici del CANC un Grifone in evidente difficoltà recuperato a Torre Pellice. Il volatile appare stremato e versa in gravi condizioni. I veterinari del Centro Animali Non Convenzionali della Struttura didattica speciale Veterinaria dell'Università di Torino, che ha sede a Grugliasco, stanno facendo tutto il possibile per salvarlo.

 

Le radiografie eseguite al CANC hanno evidenziato la presenza nell’ala sinistra di alcuni pallini del tipo usato con i fucili da caccia. I Carabiniei forestali ipotizzano che l’animale, una volta colpito e caduto a terra, non abbia più potuto riprendere il volo e alimentarsi. «Per questo versa in un grave stato di deperimento, malnutrizione e disidratazione» spiegano i veterinari.

 

 

Il Grifone era stato segnalato da due cittadini di Torre Pellice che lo avevano trovato in posizione eretta ma barcollante. Non avendo l’attrezzatura necessaria per recuperarlo, i due cittadini torresi hanno chiamato i Carabinieri Forestali, i quali, visionate le foto dell’animale, hanno preavvertito il CANC e si sono recati sul luogo del ritrovamente, dove intanto il Grifone aveva smesso di reggersi sulle proprie zampe.

 

«L’animale non ha un anello di riconoscimento e neanche un microchip di quelli applicati ai volatili nell’ambito di piani di ripopolamento» segnalano i soccorritori. Dopo le prime cure, il grifone ha dati i primi segnali positvi di ripresa, e ha cominciato a nustrirsi da solo. Guarda il video:

 

 

IL SERVIZIO VETERINARIO

La consegna del Grifone ferito al CANC rientra tra gli interventi previsti dalla convenzione attivata dalla Città Metropolitana di Torino, che vede l'impegno diretto della Struttura didattica speciale Veterinaria dell'Università di Torino per il recupero in campo della fauna selvatica, degli ungulati, dei carnivori, dei rapaci diurni e notturni e degli ofidi feriti.

 

Il CANC ha sede in largo Braccini 2 a Grugliasco e cura il servizio per conto della Città Metropolitana, che ha scelto questa soluzione (a causa della impossibilità di assumere personale dedicato, poiché si tratta di una funzione delegata dalla Regione Piemonte) per non interrompere il progetto “Salviamoli Insieme” che ogni anno registra interventi su oltre tremila animali selvatici rinvenuti in difficoltà e recuperati da privati cittadini o da agenti faunistico-ambientali.

 

Il servizio è attivo 24 ore su 24 sulle linee telefoniche 349-4163385 e 3666867428.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino