Mercoledì 13 Novembre 2019Ultimo aggiornamento: 12/11/2019 - 22:52

Uno sguardo al medio-lungo termine: l'estate prova a piazzare il primo vero colpo?

Uno sguardo al medio-lungo termine: l'estate prova a piazzare il primo vero colpo?
Giovedì 13 Giugno 2019 - 16:25

Molte persone si staranno già chiedendo dove sono finiti il caldo e la stabilità tipici dell’estate piena, anche se il mese di giugno (soprattutto in passato) era solito essere caratterizzato da tempo spesso instabile e senza il solleone tipico di luglio ed inizio agosto.

In realtà anche quest’anno il mese di giugno, già nella sua prima parte, sta “mostrando i muscoli” con la sua bella dose di caldo… Solo che combinazione, almeno per ora, il caldo intenso ha deciso di puntare altre zone neanche così lontane dalla nostra! Infatti, dopo una parentesi di stabilità e caldo moderato dei primissimi giorni del mese su buona parte dell’Europa centro-occidentale, per merito dell’espansione dell’anticiclone delle Azzorre, la situazione meteo a livello europeo è tornata ad estremizzarsi: una profonda ed estesa area depressionaria, colma di aria piuttosto fresca per il periodo, da diversi giorni sta interessando l’Europa occidentale ed il vicino Atlantico, mentre come pronta risposta l’anticiclone africano si è rapidamente esteso dal nord Africa verso il centro-sud Italia ed i Balcani.

Le nostre zone sono sempre rimaste al confine tra le 2 opposte figure bariche, alternando momenti di maggiore influenza della depressione o dell’anticiclone, con la conseguenza di avere giorni più caldi (ma non troppo) ed altri più freschi (ma non troppo) ma accomunati da un’instabilità pomeridiana-serale più o meno accentuata.

Nella giornata di domani l’anticiclone africano raggiungerà il massimo della sua potenza ed estensione, portando caldo molto intenso al centro-sud d’Italia (massime vicine ai 40 °C) e caldo più moderato al nord con una maggiore stabilità del tempo. Tuttavia le nostre zone saranno quelle interessate in maniera più marginale, con valori termici vicini ai 30 °C (punte locali che toccheranno tale valore) ed un po ‘di instabilità pomeridiana-serale mai sopita del tutto. Tra le giornate di sabato e domenica l’anticiclone tenderà a perdere gradualmente forza sull’Italia, con caldo in attenuazione al centro-sud, mentre le nostre zone non subiranno particolari variazioni di temperatura bensì un nuovo temporaneo aumento dell’instabilità (soprattutto sabato), per effetto di un nuovo parziale ingresso di aria piu’ fresca ed instabile atlantica sul nord Italia.

La settimana prossima proporrà un tempo via via più stabile e soleggiato per il pinerolese, soprattutto a partire da martedì ed almeno fino a venerdì/sabato prossimo quando sarà probabile la prima vera ondata di caldo (moderata) della stagione estiva 2019. Le temperature massime riusciranno probabilmente a portarsi poco oltre i 30 °C in pianura, con punte forse vicine ai 35 °C tra giovedì e venerdì quando l’anticiclone africano (sì, sempre lui) sarà maggiormente esteso verso l’Italia. L’anticiclone, dopo aver lasciato ancora un po’ di spazio all’instabilità pomeridiana-serale tra lunedì e martedì, dovrebbe poi avere la forza sufficiente a ridurla ai minimi termini, nonostante il calore che inevitabilmente si accumulerà nei bassi strati col passare dei giorni.

Il tempo del penultimo weekend di giugno (e a seguire) è ancora di incerta definizione, poichè i modelli ancora divergono tra il proseguimento dell’ondata di caldo (magari con un ulteriore ritocco verso l’alto delle temperature) e l’arrivo di un veloce peggioramento temporalesco spazza-calura, seguito da aria nettamente più fresca che potrebbe impedire il ritorno del caldo in tempi brevi, ovvero entro la fine del mese. Il grafico sottostante, mostrante le possibili evoluzioni del tempo nei prossimi 7-10 giorni, riassume ciò che è stato detto:

Articolo a cura di Meteo Pinerolo