Sabato 17 Agosto 2019Ultimo aggiornamento 9:17

Valdesi ed Ebrei illumineranno la Mole antonelliana per i diritti umani

Valdesi ed Ebrei illumineranno la Mole antonelliana per i diritti umani
Martedì 12 Febbraio 2019 - 16:13

"Valdesi ed Ebrei per i diritti di tutti" è la scritta che apparirà sula Mole antonelliana dalla serata del 15 febbraio 2019 ed è il logo e titolo della manifestazione organizzata dalla Comunità Ebraica e dalla Chiesa Valdese di Torino in vista della festa del 17 febbraio, con il patrocinio della Città. L'iniziativa si svolgerà in realtà su più giorni, come momento di riflessione sull'importanza dei diritti umani, commemorando la promulgazione delle Lettere Patenti del 1848 con la concessione dei diritti civili per i cittadini e le cittadine di religione valdese e israelitica.

 

LE INIZIATIVE

• Dalla serata del 15 febbraio la Mole sarà illuminata con il logo della manifestazione e il titolo scelto per l'evento del 2019 “Valdesi ed Ebrei per i diritti di tutti”.


• Nella serata del 16 febbraio alle 19,45, rappresentanti delle istituzioni, del mondo delle associazioni e cittadini e cittadine leggeranno gli articoli della Dichiarazione universale dei diritti umani (che recentemente ha festeggiato i 70 anni) davanti alla Sinagoga, in piazzetta Primo Levi. «Una testimonianza pubblica dell'alto valore morale di questa dichiarazione, un patto tra cittadini ed istituzioni per il rispetto dei contenuti» spiegano gli organizzatori.

• Al termine della lettura, nel Salone della Chiesa valdese in corso Vittorio Emanuele II 23, i cori delle due comunità offriranno un momento musicale con alcune testimonianze delle reciproche tradizioni.


• Nel pomeriggio del 17 febbraio il Centro Culturale Protestante e la Comunità Ebraica organizzano un Convegno sul tema “Diritti umani oggi” nella Sala Conferenze del Polo del ‘900 in corso Valdocco 4 alle ore 16, moderato da Alberto Sinigaglia, presidente dell’Ordine dei giornalisti del Piemonte e della Valle d'Aosta con la partecipazione di Andrea Giorgis, ordinario di Diritto costituzionale all'università di Torino e deputato alla Camera; Edoardo Greppi, professore di Diritto internazionale umanitario e tutela dei diritti umani presso l’Università di Torino; Philippe Poirier docente di Scienza Politica all'università del Lussemburgo; Luciano Scagliotti esperto in materia di diritti umani, membro del Comitato della Regione Piemonte per i diritti umani.