Venerdì 14 Agosto 2020Ultimo aggiornamento 9:30

Trotto in stato di agitazione, protesta che interessa Vinovo

Trotto in stato di agitazione, protesta che interessa Vinovo
Giovedì 25 Giugno 2015 - 16:31

Nuovo stato di agitazione per l'ippica ed a Vinovo sabato prossimo, salvo miracoli, non si gareggia. Alla protesta del 23 giugno hanno partecipato tutti i rappresentanti delle categorie ippiche: le Società di Corse, i Sindacati di categoria e tutte le componenti degli addetti ai lavori guidatori, fantini, allenatori, proprietari e allevatori.
Un presidio davanti alla sede del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali a Roma ha fatto da premessa all'incontro delle categorie con i funzionari ministeriali. Gli operatori del mondo del trotto spiegano in un comunicato stampa congiunto “Il sottosegretario con delega all’ippica Castiglione ci dovrebbe incontrare entro martedì 30 giugno. Se non ci saranno sviluppi concreti, dopo tale data l’ippica si fermerà”.
All’ippodromo di Vinovo non sono stati dati dichiarati i partenti per corse previste sabato 27 giugno.
L’ufficio tecnico di HippoGroup Torinese era aperto per le normali procedure propedeutiche alla disputa delle corse. Ma allenatori, guidatori e proprietari hanno deciso compatti di astenersi dalle corse e sospendere l’attività ad oltranza, fino a quando non si avranno risposte concrete per quanto dovuto ancora al mondo dell’ippica dal 2012. Lo stesso 2015 è accompagnato da incognite in merito a montepremi, numero di giornate, stanziamento e calendario di corse del 2015.La prima giornata di corse in notturne dell’anno potrebbe non disputarsi. Possibili evoluzioni nei giorni a venire con possibili astensioni dalle corse anche per la settimana entrante.

Contenuti correlati: 
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino