Nichelino: «La violenza è inaccettabile». Continua la protesta

Martedì 10 Dicembre 2013 - 09:53

«La violenza non è accettabile. Il comune non può diventare un bersaglio». Il sindaco Giuseppe Catizone prende posizione contro gli attacchi al Municipio dopo la battuta delle “forchettone”, che ha fatto salire la protesta. «Le condizioni economiche del paese sono difficili e le capiamo. Ma la violenza, questa no. Va comunque condannata, senza sé e senza ma. Il Comune non può diventare un bersaglio: ci sono lavoratori che non possono essere terrorizzati in questo modo. È sbagliato». Parole pesanti contro chi ha chiesto le sue dimissioni, ovvero Nichelino domani, l’associazione legata al candidato sindaco Franco Fattori: «La gente è anche stanca di chi, come voi, continua a speculare sulla disoccupazione e la disperazione dei cittadini».

Intanto le proteste proseguono, dopo che una decina di persone ha presidiato per tutta la notte piazza Di Vittorio. La manifestazione dovrebbe riprendere vigore verso le 10,30 anche con la partecipazione di studenti. Le serrande di molti negozi rimangono abbassate.

Contenuti correlati: 
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.
Paola Molino