Martedì 26 Maggio 2020Ultimo aggiornamento: 25/05/2020 - 21:16

Sequestrati oltre 150 kg di droga

Venerdì 17 Settembre 2010 - 19:39

Dopo i capi contraffatti, si aggiunge ora l'accusa di detenzione di sostanze stupefacenti, nei confronti di un membro della famiglia Hounaini, conosciuta a Pinerolo per il negozio di abbigliamento "Mao". Questa mattina il giudice Alberto Giannone del Tribunale di Pinerolo ha convalidato l'arresto di Jawad Hounaini, eseguito mercoledì dalla Guardia di Finanza di Bergamo per la detenzione di oltre 150 kg di hashish. Un quantitativo piuttosto alto: sequestri di questa entità si vedono di solito nelle grandi città metropolitane. Rinvenuti anche alcune migliaia di capi contraffatti, presumibilmente la "coda" del più imponente sequestro (centinaia di milgiaia di capi) eseguito in passato dalla Compagnia di Pinerolo della Guardia di Finanza in collaborazione con la Procura pinerolese. L'indagine che ha portato al sequestro della droga e all'arresto è nata presso la Procura di Bergamo.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L’Eco del Chisone: con l’emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo i insieme ce la faremo.

Paola Molino

Sostieni L'Eco, abbonati