Sabato 8 Agosto 2020Ultimo aggiornamento 12:15

Lusernetta, falò di Sant’Antonio.

Martedì 21 Gennaio 2020 - 16:20
Lusernetta, falò di Sant’Antonio.
Lusernetta, falò di Sant’Antonio.

I riti di passaggio si celano nel calendario ben oltre il Capodanno. Sant’Antonio Abate, il “padrone del fuoco”, è ricordato il 17 gennaio con benedizioni (purificazioni) degli animali e grandi pire che dell’anno appena trascorso bruciano mali e malattie. Propizio per la nuova annata agricola, un falò è ancora acceso a Lusernetta, comune della val Pellice la cui parrocchiale, con Grandubbione una delle poche del Pinerolese, è dedicata allo storico monaco del quarto secolo. Nella notte di sabato 18 gennaio, Comune e Pro Loco con la “vigile” presenza del gruppo AIB hanno organizzato la fiaccolata cui è seguita l’accensione della grande catasta preparata nel terreno adiacente le scuole. Il gioioso stupore dei bambini partecipanti ha così chiuso l’altrettanto tradizionale cena, quest’anno a base di Bagna Cauda.

Bruno Allaix
Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino