Lunedì 25 Maggio 2020Ultimo aggiornamento: 24/05/2020 - 23:44

Quel ponte Rabbioso

Tra disagio e rabbia in Val Germanasca
Mercoledì 30 Maggio 2012 - 00:00

Basta un po' di pioggia che terra e pietre cadono sulle strade provinciali della Val Germanasca, abbandonata a se stessa da troppi anni. L'abbiamo già sottolineato mesi fa, poi è nato un comitato locale promosso dalla Chiesa valdese, sono state raccolte tremila firme. Insomma. Fate qualcosa per questa valle.
Ma le difficoltà economiche, unite ad un'indolenza istituzionale che coinvolge Regione e Provincia di Torino, stanno provocando un silenzio… assordante. È una vergogna abbandonare un territorio mentre incombe sempre la frana del ponte Rabbioso. Nessuno l'ha imbrigliata. E, dice il sindaco di Salza, «fa paura a guardarla di sotto. Il terreno muove, le rocce si sgretolano».
Provincia e Regione si diano una mossa. Un segno per ridare speranza alla Val Germanasca.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L’Eco del Chisone: con l’emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo i insieme ce la faremo.

Paola Molino

Sostieni L'Eco, abbonati