Giovedì 28 Maggio 2020Ultimo aggiornamento 0:11

A Torre Pellice opere sul filo della memoria

Alla Galleria Tucci Russo, doppia personale visitabile fino al 31 gennaio
Mercoledì 18 Gennaio 2012 - 00:00

Che cosa ci sia di poetico e di artistico in alcune semplici casse di legno usate per stivare delle bottiglie di vino, in due banali pedane per trasporto merci e in un paio di stecche da biliardo non è facile scoprirlo.
Sono oggetti di uso comune slegati tra loro, privi di un nesso logico e comunque lontani da un’idea di scultura dai canoni consolidati. Eppure questi manufatti, isolati dal loro abituale contesto e diversamente disposti a terra, sono all’origine della serie "Places (Lost)" ideata da Jan Vercruysse per la personale che ha in corso fino al 31 gennaio da Tucci Russo a Torre Pellice. (approfondimenti nell'edizione in edicola)

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L’Eco del Chisone: con l’emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo i insieme ce la faremo.

Paola Molino

Sostieni L'Eco, abbonati