Mercoledì 18 Settembre 2019Ultimo aggiornamento: 17/09/2019 - 15:36

L'aria migliora troppo lentamente

Il rapporto dell'Arpa in Provincia di Torino sull'inquinamento atmosferico
Mercoledì 7 Dicembre 2011 - 00:00

"Respiriamo sempre la stessa aria". Questa potrebbe essere, senza voler peccare di eccessivo semplicismo, la valutazione dei dati 2010 resi noti la scorsa settimana dall'Arpa e dalla Provincia di Torino. «Il traffico veicolare si conferma la principale fonte d'inquinamento, ma mancano provvedimenti strutturali - ha dichiarato l'assessore all'Ambiente Roberto Ronco, lamentando come «dalla Regione Piemonte giungano notizie del taglio del 15 per cento di contributi per il trasporto pubblico per il 2012». Sotto accusa le auto diesel Euro 4 e Euro 5 che non hanno portato risultati concreti e lo scarso impatto dei blocchi domenicali del traffico come confermato da uno studio dall'Arpa. Risultato, lo scorso anno il miglioramento della qualità dell'aria è stato troppo scarso rispetto alle richieste definite dalle attuali normative europee. «Un decisivo miglioramento si potrà avere solo combinando tre grandi aree di intervento: l'estensione del teleriscaldamento, il potenziamento del trasporto pubblico tale da ridurre del 21 per cento il traffico privato e gli interventi sulle emissioni industriali» questa la conclusione dell'assessore Ronco. (approfondimenti nell'edizione in edicola)