Lunedì 25 Maggio 2020Ultimo aggiornamento: 24/05/2020 - 23:44

«Pracatinat come una prigione»

I profughi chiedono lavoro e contatto umano
Mercoledì 23 Novembre 2011 - 00:00

FENESTRELLE - I 150 ospiti africani del Centro di soggiorno di Pracatinat dovranno aspettare fino a luglio 2012, poi inizieranno i colloqui necessari alle richieste di asilo.
Un tempo lunghissimo. Un'attesa esasperante, mentre rimangono isolati sui monti della Val Chisone, dalla quale non vedono sbocco.
Martedì, con "L'Eco" in stampa, era in corso una riunione in Regione per decidere se i profughi rimarranno nell'ex-sanatorio dell'alta valle, o se saranno trasferiti. Ma certo il cammino per dare loro la possibilità di integrarsi sarà ancora lungo.
«Qui stiamo bene - assicurano loro -, ma Torino è troppo lontana e noi sappiamo fare tanti lavori ma non possiamo. Abbiamo bisogno di capire come funziona fuori, e di contatto umano». (approfondimenti nell'edizione in edicola)

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L’Eco del Chisone: con l’emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo i insieme ce la faremo.

Paola Molino

Sostieni L'Eco, abbonati