Le iniziative

Dora Bognandi e Mario Cignoni
"Scelte di fede e di libertà. Profili di evangelici nell'Italia unita"
ed. Claudiana (euro 15)

Una raccolta di profili di italiani di tutte le condizioni sociali, culturali e lavorative che dagli anni del Risorgimento al Novecento si convertirono alla fede evangelica.
Gli eventi del Risorgimento e l’Unità conseguita nel 1861 consentirono la libera circolazione della Bibbia e l’estensione di una certa libertà religiosa in tutta la penisola, rendendo giuridicamente possibile anche in Italia una scelta di fede libera e personale.
Quarantasei firme ritraggono una settantina di persone che decisero di essere protestanti. Si va dal conte Piero Guicciardini a Gabriele Rossetti, poeta e letterato, dal garibaldino Alessandro Gavazzi al giornalista Leopoldo Perez De Vera, dall'obiettore di coscienza Alberto Long a Luisa Chiellini, strenua sostenitrice della dignità femminile.
Il volume aiuta a conoscere il protestantesimo italiano, e rappresenta un interessante contributo al dibattito culturale in occasione del centocinquantesimo anniversario dell'Unità d'Italia.

d.c.

L'editrice Claudiana fondata nel 1855
La casa editrice Claudiana è stata fondata a Torino nel 1855, in pieno clima risorgimentale e sette anni dopo trasferita a Firenze, allora capitale. Nel 1924 ritrasferita a Torre Pellice, dal 1960 è nuovamente a Torino. Claudiana fu attiva nella seconda metà dell'Ottocento con opuscoli, trattati ed almanacchi nella divulgazione e diffusione della conoscenza del testo biblico. Prima in Italia, nel 1860 pubblicò un Nuovo Testamento in volgare, seguito presto dall'edizione completa della Bibbia nella versione secentesca di Giovanni Diodati; fu inoltre la prima casa editrice italiana a lanciare, nel 1870, un mensile illustrato rivolto ai ragazzi, "L'amico dei fanciulli", che ebbe larga diffusione nelle scuole di Stato.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino