Giovedì 15 Aprile 2021Ultimo aggiornamento 17:26

Un festival-melodia tricolore

Porro, Pinerolo
Giovedì 24 Marzo 2011 - 17:07

Anche la musica si è tinta di colore. È successo quest'anno a Sanremo, dove un'intera serata è stata dedicata al 150º anniversario dell'Unità d'Italia. Tributo quasi dovuto alla nazione da un Festival che più di una volta ne è stato il portavoce di idee, di storie e di personaggi. Il Bel Paese è stato cantato tramite canzoni semplicemente leggendarie e piccoli frammenti della storia che fu delle generazioni passate. E lo cantò anche Roberto Benigni fondendo una narrazione appassionata della storia d'Italia con la comicità d'altri tempi. In un periodo in cui sono i contrasti che identificano un'intera classe politica, il Festival si è fatto portavoce della melanconia che attraversa la coscienza comune.
Ma il festival è stato anche divertimento, musica e spettacolo, da Gianni Morandi ad Avril Lavigne, passando per ospiti illustri: un evento riuscito, il tutto condito da un pizzico di satira rivolta alle sfere del Governo: un colpo di coda per certi versi coraggioso che ha voluto attirare l'attenzione verso ciò che il popolo pensa della crisi italiana. Paradossalmente è proprio il giorno della commemorazione dell'Unità d'Italia che crea lacerazioni nel mondo politico e istituzionale; ma allora viene da chiederci se l'Unità sia un concetto ineffabile o una realtà solo lontana. Pensando a Benigni e al suo discorso che ci ha fatto essere fieri di essere italiani, non tutte le speranze sono morte: basta, in fin dei conti, stare uniti e svegliarsi per realizzare i propri sogni.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino