Giovedì 15 Aprile 2021Ultimo aggiornamento 15:54

Alzabandiera italiano e occitano a Pragelato

Martedì 15 Marzo 2011 - 16:37

Pragelato ribadisce le differenze culturali e territoriali della montagna innalzando una bandiera occitana. Ci saranno dunque due momenti distinti alle 9 l’alzabandiera tricolore davanti al monumento dei Caduti a cura del Gruppo alpini Assietta di Pragelato e alle 10 l’alzabandiera occitano davanti al municipio. «L’Italia è piena di differenze culturali e noi siamo una di quelle. Nel giorno in cui si festeggia l’Unità noi vogliamo sottolineare le differenze, visto che la nostra cultura è ben più vecchia di quella italiana - spiega il sindaco Gianni Arolfo, promotore insieme all’Amministrazione culturale di questa iniziativa -, mentre ribadiamo il concetto di Unità d’Italia sottolineiamo anche la nostra tradizione ben più vecchia».
Il Parco naturale della Val Troncea, d'altro canto, ricorda che pur trovandosi in un territorio di frontiera, sebbene collabori con i progetti transfrontalieri come la Casa degli Escartons, si tratta di una realtà inserita in un contesto nazionale preciso.
Attraverso la cena prevista per venerdì 18, in cui si degusteranno le particolarità gastronomiche delle regioni italiane partendo dai localissimi "pilot", si parlerà di storia, tradizioni, favole, curiosità della valle. «L’iniziativa è nata dal personale del Parco ed è stata sposata dall’Amministrazione - spiega il presidente Monica Berton -. È un modo per manifestare l’intenzione di chi vive e lavora nel parco di cercare rapporti con la gente durante un momento conviviale di scambio e comunicazione».
Al termine si degusterà il "Ciocchetto", il cioccolatino a forma di tronchetto realizzato appositamente per il progetto Parchi 2011. Informazioni e prenotazioni: 0122 78.849, 0122 78.383 dal lunedì al venerdì ore 9-12 e 14-16,30.

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino