Venerdì 5 Marzo 2021Ultimo aggiornamento 15:07

Lettere dal fronte: «Gaeta è presa»

VI - Molti i pinerolesi che parteciparono alle guerre di Indipendenza
Martedì 8 Marzo 2011 - 16:38

La retorica ha da sempre ammantato i fatti risorgimentali, relegando ingiustamente quella pagina di storia a didascalici ricordi di studi infantili. Eppure il Risorgimento è un fatto che appartiene alle nostre storie familiari, alla storia dei nostri bisnonni e trisnonni.
Sappiamo bene che non furono pochi i pinerolesi chiamati sotto le armi a combattere per l’Unità d’Italia. In tanti morirono sui campi di Goito, Novara (dove un mausoleo ne ricorda i nomi), S. Martino. Il Risorgimento fu un fatto che non coinvolse solamente borghesia illuminata, famiglie nobili e militari in carriera, ma gente comune. (approfondimenti nell'edizione in edicola)

Informazione al servizio della comunità e per essere comunità, da sempre questo è lo stile inconfondibile de L'Eco del Chisone: con l'emergenza Coronavirus, ora più che mai, lo sentiamo come un dovere non solo nei confronti dei nostri lettori, ma di tutti i cittadini. Perché solo insieme ce la faremo.

Paola Molino