Domenica 19 Febbraio 2017Ultimo aggiornamento 17:09

Pinerolo

«Non vorrei che capitasse qualcosa a tuo figlio, non lo rivedi più… la strada è sempre un pericolo…». Minacce velate, altre più esplicite: «Se non mi porti i soldi ho paura per te perchè so che farai una brutta fine, ti capita qualcosa di brutto». E ancora, «dammi i soldi, se non vuoi impazzire di dolore per la perdita dei tuoi familiari…».

La squadra di calcio vince il campionato, ma il pubblico diserta lo stadio
Covato promette: «In arrivo un finanziatore, poi riporteremo la gente sugli spalti»
Fino a domenica 25

Il liceo scientifico Curie - in collaborazione con il Comune e numerose altre scuole del Pinerolese e con la sponsorizzazione della Provincia - è il capofila di "Scienza in piazza", la manifestazione per avvicinare alla scienza che prosegue anche questa settimana. Nel parco di Villa Prever sono visitabili tre mostre (fino a sabato 24 9-17, visite guidate per gruppi su prenotazione, domenica 10-18, visite libere) interattive. "Sport nella scienza e nell'arte", "Rabdologia: la nascita della prima calcolatrice" e "La luce: illustrazioni e dimostrazioni", le proposte.

Quattro donne sudamericane esercitavano in casa

Arrestato uno dei proprietari, indagine sugli altri due

Curiosità, proposte e informazioni utili sulla festa
Al luna park di piazza Terzo Alpini 41 giostre
I fasti dell'aprile 1910, quando la stazione fu intasata di macchine agricole

Lei si era sempre detta innocente e nel tardo pomeriggio di mercoledì 14 il giudice Gianni Reynaud le ha dato ragione: assolta per non aver commesso il fatto (le motivazioni tra 35 giorni). È finita così la (lunga) vicenda giudiziaria di M.S., giovane ex-cassiera della Ekom di Pinerolo accusata di "utilizzo illecito di carta di credito".

In sostanza, avrebbe strisciato il bancomat dimenticato da una cliente, determinandole un ammanco di 250 euro.

La proprietà: «Molto bene, era ora» e annuncia un ricorso al Tar
Secondo l'avvocato «l'Amministrazione non ha agito in modo corretto»

Anche l'ex-asilo, annesso alla chiesa con l'ingresso che si affaccia sulla proprietà della parrocchia (ora sotto i "ferri"), richiede interventi urgentissimi, con il tetto che sta crollando, i palchetti da rifare, gli impianti elettrici da mettere a norma. Su questo edificio sono però numerose le riserve anche del vescovo: «È da recuperare assolutamente, ma non entro nel merito se non nella misura in cui il parroco è presidente dell'ente che lo gestisce ed è un fabbricato attaccato alla chiesa; ma si tratta di un ex-Ipab e la proprietà è legata al Comune».

Pagine